RIZOMI & STOLONI


Navigazione


SCENE TAGLIATE - EXTENDED VERSIONS - APPROFONDIMENTI - PERSONAGGI SCOMPARSI

Il romanzo, tre anni di ricerche e di scritture, ha avuto diverse vite e diverse storie. Alcune di queste si sono perse o sono state modificate radicalmente. In questa sezione lasciamo che dal tronco principale della Strategia Dell'Ariete, crescano e fioriscano liberamente rizomi e stoloni.

 

Cina '22

hans Deruyter - il buddha e calvino

 

I primi tempi in cui Deruyter aveva mostrato simpatia per le sue idee, Shanfeng era rimasto freddo. Un atteggiamento di distacco che gli era venuto naturale, visto che l’olandese, fino ad allora, non gli aveva in pratica mai rivolto la parola, come faceva quasi con tutti. Un tipo in gamba, ma non certo per farci conversazione. Da qualche tempo a questa parte, però, aveva cominciato ad aprirsi, rivelando qualità e sensibilità insospettate. C’era una sorta di aura intensa quanto oscura, tutt’attorno a lui, molto magnetica, che incuriosiva Shanfeng: il tipo doveva aver sofferto in vita sua, altrimenti quale altro destino avrebbe potuto condurlo dov’era? Un marinaio olandese di mezza età che lavorava per la Triade a Shanghai e nascondeva dietro una cortina di finta indifferenza un’insolita passione per le più rivoluzionarie teorie politiche... (continua a leggere scaricando il PDF o visualizzandolo sul browser)

 

USA '57

Gregory Lozny - L'Ariete non è la CIA, grazie a Dio

 

L’ambigua figura di Gregory Lozny si materializzò d’improvviso davanti agli occhi spalancati di Mike, fissi sulla parete di fronte all’ingresso della stanza. La sua lunga e orrenda barba non curata, il decrepito bastone sul quale appoggiava la camminata incerta. L’insolente accento polacco nel dispensare
frasi a effetto in lingua inglese. ... (continua a leggere scaricando il PDF o visualizzandolo sul browser)

 

 

Brasile '44

L'angolo di Arthur Fillmore 1 - Rissa al Mono Amarillo

 

L’insegna dondolante del Mono Amarillo si reggeva a stento con una catenella sopra la porta. Quando entrarono, nessuno si voltò ma tutti li guardarono di sottecchi. Seduti sugli sgabelli al bancone, Dietrich e Arthur ordinarono due birre. Il barista riempì i bicchieri, facendo colare fuori la schiuma.
“Per Giove, è un po’ presto per la birra, non sono mica irlandese... Al diavolo, dobbiamo festeggiare. Cheers!” ... (continua a leggere)

 

 

USA '57

Peter Klose - C’era qualcosa nell’aria...

 

12 dicembre 1957, Johns Hopkins Hospital, Baltimora, USA

“Infermiera, chi è la paziente della 35?”
“Vediamo… la signorina Shelley Copeland, dottor Klose. È ricoverata per stato di shock.”
“Cosa le è successo, lo sa?”
“Non esattamente. Dicono abbia respirato in modo accidentale dei gas nocivi, le hanno fatto tutti gli esami possibili e la tengono sott’occhio ogni minuto. C’è uno strano viavai di uomini in cappotti scuri in queste ore, come quello laggiù in fondo, vede? Sono convinta che ci sia qualcosa di losco sotto, sa
dottore… Ci sono sempre questi figuri in giro, quando ricoverano i criminali importanti, non quelli di strada, ha presente?” (continua a leggere)

 

 

Paraguay '44

L'angolo di Arthur Fillmore -2 la guerra del Chaco

Alcune grosse forme squadrate richiamarono l’attenzione di Hiro che inforcati gli occhiali ne scoprì la sostanza. Carri armati e veicoli militari abbandonati e prede delle intemperie. Gli sembrava di riconoscere un paio di silhouette vaghe, l’una addossata all’altra, tanto erose dalla sabbia da sembrare una cosa unica. Fillmore non poté fare a meno di notare la curiosità del giapponese: “Un Ansaldo CV33 di fabbricazione italiana e un Vickers britannico. Sono là da più di un decennio. Con quella guerra ci hanno guadagnato in molti, oserei dire che ci hanno guadagnato tutti tranne i diretti interessati. Asunción e La Paz infatti, oltre a rimetterci del denaro, hanno avuto un costo in vite umane incredibile... parliamo di circa centomila uomini in poco più di tre anni. Le assicuro che non ho mai visto nulla di più assurdo. E non è la prima guerra che mi sorbisco.” L’inglese si arricciò un baffo tra l’indice e il pollice: “Comunque io la mia parte l’ho fatta, per Giove, se l’ho fatta...” (continua a leggere)

 

Egitto - 2501 a.C.

versione alternativa : un piccolo romanzo a sé :

 

Città Del Muro Bianco, Egitto, 2501 a.C. - Nono anno del regno di Cheope

1° Giorno

Le tende bianche svolazzavano sul ballatoio. A grandi passi il sacerdote si avvicinava, un vaso tra le mani e un pezzo di stoffa color cobalto sul volto. La folla era un mare nero ai piedi della costruzione, in attesa dell’evento. (continua a leggere)

 

Polonia - 1942

prologo alternativo : massimiliano capra :

 

23 dicembre 1942, Casolare nella campagna nei pressi di Treblinka, Polonia


"Quante volte ve lo devo dire, ancora, che il nostro Führer ha a cuore il vostro progetto? Quante volte vi devo rassicurare che i fondi per finanziarvi torneranno presto?"
Paonazzo, le vene del collo gonfie in un misto di rabbia e furore nazista, Wolfgang von Rastemburg battè con forza la mano di legno sul tavolo rustico coronato di macchie di vino e di grasso. Nonostante la violenza di quel gesto, nulla, della sua rigida impostazione prussiana, venne
scosso. Non un tremito, non un respiro. (continua a leggere)

 

 


copertina del libro La Strategia dell'Ariete di Kai Zen, Mondadori Strade Blu

support our troops